Evoluzione di Google: il potere delle Keywords

Siamo arrivati al terzo articolo della "rubrica" dedicata all'analisi del Libro di Francesco De Nobili su Google e la Search Engine Optimization (SEO).
Nel primo articolo, "L'evoluzione di Google: non solo un motore di ricerca" è stata descritta l'evoluzione del colosso di Mountain View, il secondo invece, "L'evoluzione di Google: le strategie SEO" ha svelato alcune tecniche e strategie relative alla SEO. In questo terzo articolo, vi parlerò di alcuni degli strumenti di Google.

Le Keywords.

Individuare le parole giuste, le cosiddette Keywords, è un dovere di ogni professionista che si occupa di comunicazione.
Grazie a queste catturiamo l’attenzione e riusciamo ad arrivare lì dove vogliamo colpire. Facile a dirsi, impegnativo a farsi, ma non impossibile!
Per ogni (buon) messaggio che si rispetti è importante tenere a mente che vi sono alcune parole che hanno una valenza maggiore di altre e per questo risultano più efficaci. Tutto questo ha un’importanza strategica per quanto riguarda il posizionamento sui motori di ricerca. Tutto va calcolato, preventivato studiato e redatto minuziosamente, niente va lasciato al caso.

A tal proposito vi ripoterò alcuni punti, per me cruciali, su cui mi sono soffermata durante la mia lettura del libro di Francesco De Nobili “SEO GOOGLE”. Nella fattispecie, ho attenzionato le tecniche di selezione delle parole chiave necessarie per il posizionamento sui motori di ricerca. Questa, dice De Nobili, è la fase più delicata, determinante e complessa di un progetto di SEO. La prima cosa da fare, per chi si approccia a un Search Engine Optimization (SEO) per un’azienda o un progetto, potrebbe essere quella di mettersi nei panni dei potenziali visitatori/utenti e cercare di individuare le parole chiavi che potrebbero utilizzare per trovare i prodotti o i servizi offerti. Ovviamente questo non è l’unico parametro da tenere in considerazione, vi sono altri ugualmente importanti come per esempio il target di riferimento, i prodotti o i servizi offerti, i competitor diretti e le loro Keywords ecc.. Una volta trovate le risposte a queste domande dobbiamo impostare un metodo che ci permetta di pianificare in modo adeguato la scelta delle parole chiave. Dalle risposte potremo estrapolare delle frasi, termini e combinazioni, ma anche sinonimi di parole chiave che l’utente potrebbe trovare.

 

Armando Rinaldi Rebranding GoogleCredit

 

Dati e Strumenti di Google.

A questo punto, scrive De Nobili abbiamo ben chiaro quanto sia importante scegliere le parole chiave in base al significato semantico. Adesso rimane da capire l’esatto numero di keywords da utilizzare. Le statistiche affermano che in media: tra il 30% e il 40% degli utenti effettuano una ricerca utilizzando una sola parola chiave; tra il 10% e il 30% utilizzano una combinazione di 2 o 3 parole chiave; il 10% utilizza più di 3 parole chiave. Le parole chiave ci permettono di raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati. Uno strumento utile per la scelta della parole chiave giuste è Google Trends.
Tale strumento ci aiuta in momenti d’indecisione tra due termini, potrebbe essere utilizzato per scoprire l’andamento nel tempo o a seconda del pubblico di una determinata zona geografica. Inoltre attraverso Google Trends possiamo conoscere le parole più ricercate del momento in tutto il web, oppure ancora possiamo affinare la ricerca inserendo la nazione specifica e l’argomento specifico. Inoltre, afferma De Nobili, è importante farci aiutare da Google Suggest, il software utilizzato per dare una mano all’utente nella ricerca.
Quando digitiamo una parola chiave è possibile visualizzare alcuni suggerimenti di una serie di altre parole correlate in base alle richieste degli utenti. Per utilizzare correttamente tale strumento è bene effettuare le ricerche senza utilizzare il nostro account e disattivare il servizio Google Instant che limita Google Suggest a soli quattro risultati. È possibile scoprire la classifica delle parole chiave abbinate a una determinata lettera attraverso uno strumento online chiamato Ubersuggest. Per ottenere i risultati è sufficiente impostare la parola chiave che ci interessa, scegliere la lingua e il tipo di ricerca che vogliamo fare.
Insomma, scalare la vetta non è mai stato facile…adesso più che mai! Sicuramente, a mio modo di vedere, affidarsi a dei professionisti di questo settore vuol dire partire in POLE POSITION!

Etichettato sotto
Top