fbpx

Quando il narcisismo sfocia nel body shaming

Data pubblicazione: 1 Ago, 2019

Se c’è qualcosa che in questi anni Instagram e i social in generale hanno risvegliato questo è sicuramente il narcisismo e l’eccessiva ossessione per il bello, l’estetica e l’apparire.

I social in questi anni sono diventati strumenti perfetti per mettersi in mostra, strumenti di superficialità e di critica, specialmente tra i più giovani.
La facilità con cui si può commentare ha reso implicita la possibilità di poter dire la propria e replicare fino all’inverosimile. In realtà, gli adolescenti sembrano essere più sensibili a queste immagini e messaggi, non solo perché sono più esposti ai social media, ma anche perché sono nel bel mezzo di un tremendo periodo di transizione delicato.
Ognuno può esprimere la propria opinione va benissimo, purchè sia un’opinione “sana”, costruttiva. Purtroppo nella stragrande maggioranza dei casi non è così. Trincerati dietro il confronto virtuale e non reale, si scatenano i commenti più disparati, dettati da frustrazione, invidia, superiorità e cattiveria.
Così ci troviamo a fronteggia un fenomeno chiamato body shaming: una forma di bullismo che colpisce l’aspetto fisico delle persone.
Si tratta letteralmente di giudicare le forme del corpo delle persone, attraverso il web e i social network.
Essere continuamente esposti a immagini di corpi impeccabili nella cultura odierna, che non accetta difetti, significa che coloro che non si conformano a questi canoni di bellezza ideale hanno maggiori probabilità di essere vittime del body shaming, che può avere conseguenze fisiche e psicologiche negative.
Una tendenza a dir poco imbarazzante e inaccettabile per chiunque si permetta di praticarlo anche involontariamente. Si pensa che sia proprio del mondo femminile e invece anche gli uomini ne subiscono gli effetti, seppur sicuramente in forma minore. Tutti a giudicare smagliature, cellulite, sopraciglia e l’aspetto in generale di qualcuno che ha postato la sua immagine attraverso i social.
La tendenza sui social? Il Confronto Sociale!
La tendenza di oggi è il continuo confronto/scontro con l’altro.
Ci si confronta con i modelli proposti da social e media e quello che ne risulta è che si diventa sempre più giudici spietati di sé stessi e degli altri.
L’apparenza e l’apparire è tutto ciò che conta e su cui ci soffermiamo. Approfondire non fà parte di questo mondo ormai.
Chi la pensa diversamente, chi non vuole giudicare e chi pensa davvero che questo fenomeno sia da contrastare, ha creato e condiviso dei post con con l’hashtag #bodyshamingisforlosers (che tradotto praticamente vuole dire: creare vergogna del corpo è per i perdenti).
Questo # è stato lanciato proprio da Chiara Ferragni, che proprio per il ruolo di influencer mondiale (e per difendere le sue amiche da un attacco di body shaming) ha espresso la sua opinione e creato di bloccare questo brutto fenomeno.
#bodyshamingisforlosers chi addita le persone per avere un corpo imperfetto è un perdente.

“Chi nutre la fiducia in sé stesso, chi accetta le imperfezioni, chi guarda dentro l’anima e tifa per sé e per l’altro è un vincente. La perfezione non esiste e il bello è proprio lì,nella diversità e nell’imperfezione, in quello che alcuni potrebbero considerare bruttoe che altri vorrebbero modificare.
È quello il nocciolo della bellezza ed è li che possiamo davvero distinguerci.Siamo diversi e siamo tutti bellissimi”.
Afferma la Ferragni.

Gli stereotipi, gli idoli e i modelli da seguire ci sono sempre stati e sempre ci saranno. L’essere umano, in quanto tale, vorrà sempre somigliare a qualcuno che si distingue per qualche caratteristica, che sia intellettuale, estetica o di status.
Il punto è che oggi i giovani, spesso e nella stragrande maggioranza dei casi, prediligono soltanto un aspetto, tramutandolo nell’aspetto più importante e non rendendosi conto che invece è solo il più effimero.
narcisismo body shaming
  1. Home
  2. Blog
  3. Quando il narcisismo sfocia nel body shaming